PDF Stampa E-mail

Nasco a Catanzaro il 23/06/1951, in tenera età mi trasferisco con la famiglia in Brianza

e già dai primi anni della scuola elementare, manifesto attitudini artistiche che mi consentono di avere

i requisiti necessari per frequentare il liceo artistico di Brera.

Ma mio malgrado, dopo un anno , per cause indipendenti dalla mia volontà ,cambia indirizzo scolastico .

Dopo il diploma magistrale, lavoro nella pubblica amministrazione ma l'interesse per l'arte non l'abbandono.

Scalpita in me l'esigenza di esprimermi artisticamente, e soltanto nel 2007, riesco finalmente a riprendere a dipingere

in maniera continuativa. Ovviamente mi affido all'istinto , la mia è un'arte spontanea, e i miei primi riferimenti sono

le immagini dei miei viaggi intorno al mondo.

www.annacasu.altervista.org


Conosco da moltissimi anni l'artista Anna Casu. C'è stato un pugno di anni che ci hanno divise per poi ritrovarci a percorrere le stesse strade. Sono intervenuta in molte

sue esposizioni artistiche di successo, un successo meritato in un campo dove, in passato, la donna artista era spesso non considerata e dimenticata. Oggi l'approccio

della donna nell'arte è cambiato, anzi, c'è stata l'esplosione della donna nell'arte, che è la location storica che fa da sfondo ad Anna Casu.

Quando la si conosce, si capisce subito di avere a che fare con un artista il cui pensiero è rimasto libero senza tante teorie, che a volte castrano la creatività.

Quello che colpisce delle sue opere è il sogno e la speranza che vi imprime e che riempiono la sua storia.

Esse sono realizzate con acrilici, pastelli colorati, gessetti e l'acquerello, nelle quali si esprime in modo immediato ed istintivo, vi mette tutta l'energia delle sue tecniche

cromatiche e s'immerge nel formativo mondo pittorico pronto a celebrare l'universo femminile.

Anna Casu, pittrice per vocazione, entusiasta e istintiva.

Dopo aver frequentato per qualche anno il Liceo Artistico di Brera a Milano, ha continuato da autodidatta a coltivare questa passione senza mai fermarsi.

Ha sperimentato una forma di meditazione e mediazione in cui rivive le emozioni delle immagini impresse nella sua anima durante i suoi viaggi in giro per il mondo e

che, poi, mette di getto sulla tela.

I bambini sono i suoi soggetti preferiti che fanno emergere la donna artista intrisa dei profumi dell'Africa.

Quindi, l'Africa è la voce narrante del suo pensiero che dà rilievo all'evoluzione della sua personalità nella quale affiora una ricchezza culturale straordinariamente piena d

i spessore e vigore.

Anna Casu, ha contraddistinto il suo destino dedicando con passione la sua vita all'arte, porta in essere una pittura impregnata di realtà che, in maniera esplicita, guarda

alla realtà.

Di se stessa dice: "L'arte mi ha presa fin da piccola.

Sono convinta che il ruolo fondamentale dell'arte sia quello di comunicare. Io lo faccio attraverso i colori e non attraverso la sola tecnica.

Per me conta lo spirito che c'è dietro e il coraggio di mostrarsi e il cuore che ci metti.

Sono un'artista che vuole tranquillamente arrivare al cuore di tutti, con opere che possono essere capite da tutti, perché l'arte deve essere profumo forte, penetrante e

non deve appartenere solo ad un'elite".

Le sue opere, dunque, hanno un forte legame con l'Africa, che diventa la luce nel mistero della vita.

Ama più di tutto raffigurare bambini e donne, perché la madre è l'esempio per eccellenza dell'amore.

Infatti, le sue creazioni sono belle, morbide, calde e colorate colme di straordinaria valenza artistica.

E' indubbio che lei ama la bellezza, ama l'arte nella sua più intima e originaria ragion d'essere.

La bellezza data all'oggetto relazionato, è la ragione estetica e il suo modus essendi dell'arte del nostro tempo.

La sua è disciplina dello spirito avvertita come una risorsa delle avanguardie e coincide con le attese di una genuina vocazione all'arte contemporanea.

Un'arte che assume lo spessore dichiarato di un mondo con l'aura piena di valore e senso, è un'assoluta evoluzione da riparo alla bellezza da troppo tempo bistrattata e

che lei richiama in vita per esprimere un mondo interiore e gli ideali dell'epoca in cui viviamo.

Il suo amore per l'arte è alla base della sua intuizione artistica.

E' un amore sincero, con dialoghi stupendi in funzione del camminare verso nuove strade per imparare a conoscere una propria sostanziale identità senza mutare se

stessa.

Principia Bruna Rosco

Giornalista e critica d'arte

Mostre:

 

  • Filippine 2012
  • Mostra città di Varazze  2013
  • Mostra città di Savona 2013
  • Unicef 2014
  • Premio int.le Iside 2014
  • EXPO milano 2015
  • Telethon bnl Milano 2015
  • Fondaz. Granata Braghieri Imbersago maggio 2016
  • Artè in piazza Imbersago 2016

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 


Nasco a Catanzaro il 23/06/1951, in tenera età mi trasferisco con la famiglia in Brianza e già dai primi anni della scuola elementare, manifesto attitudini artistiche
che mi consentono di avere i requisiti necessari per frequentare il liceo artistico di Brera.
Ma mio malgrado, dopo un anno , per cause indipendenti dalla mia volontà ,cambia indirizzo scolastico .
Dopo il diploma magistrale, lavoro nella pubblica amministrazione ma l'interesse per l'arte non l'abbandono.
Scalpita in me l'esigenza di esprimermi artisticamente, e soltanto nel 2007, riesco finalmente a riprendere a dipingere in maniera continuativa.
Ovviamente mi affido all'istinto , la mia è un'arte spontanea, e i miei primi riferimenti sono le immagini dei miei viaggi intorno al mondo.
Dice di me la giornalista e critica d'arte Principia Bruna Rosco:
14 aprile 2013 - Il successo della Casu in un campo dove la donna artista è spesso non considerata e dimenticata.
Conosco da moltissimi anni l'artista Anna Casu. C'è stato un pugno di anni che ci hanno divise per poi ritrovarci a percorrere le stesse strade.
Sono intervenuta in molte sue esposizioni artistiche di successo, un successo meritato in un campo dove, in passato, la donna artista era spesso non considerata e dimenticata. Oggi l'approccio della donna nell'arte è cambiato, anzi, c'è stata l'esplosione della donna nell'arte, che è la location storica che fa da sfondo ad Anna Casu.  Quando la si conosce, si capisce subito di avere a che fare con un artista il cui pensiero è rimasto libero senza tante teorie, che a volte castrano la creatività. Quello che colpisce delle sue opere è il sogno e la speranza che vi imprime e che riempiono la sua storia. Esse sono realizzate con acrilici, pastelli colorati, gessetti e l'acquerello, nelle quali si esprime in modo immediato ed istintivo, vi mette tutta l'energia delle sue tecniche cromatiche e s'immerge nel formativo mondo pittorico pronto a celebrare l'universo femminile.  Anna Casu, pittrice per vocazione, entusiasta e istintiva. Dopo aver frequentato per qualche anno il Liceo Artistico di Brera a Milano, ha continuato da autodidatta a coltivare questa passione senza mai fermarsi.
Ha sperimentato una forma di meditazione e mediazione in cui rivive le emozioni delle immagini impresse nella sua anima durante i suoi viaggi in giro per il mondo e che, poi, mette di getto sulla tela. I bambini sono i suoi soggetti preferiti che fanno emergere la donna artista intrisa dei profumi dell'Africa. Quindi, l'Africa è la voce narrante del suo pensiero che dà rilievo all'evoluzione della sua personalità nella quale affiora una ricchezza culturale straordinariamente piena di spessore e vigore. Anna Casu, ha contraddistinto il suo destino dedicando con passione la sua vita all'arte, porta in essere una pittura impregnata di realtà che, in maniera esplicita, guarda alla realtà.
Di se stessa dice: "L'arte mi ha presa fin da piccola.
Sono convinta che il ruolo fondamentale dell'arte sia quello di comunicare. Io lo faccio attraverso i colori e non attraverso la sola tecnica.
Per me conta lo spirito che c'è dietro e il coraggio di mostrarsi e il cuore che ci metti.
Sono un'artista che vuole tranquillamente arrivare al cuore di tutti, con opere che possono essere capite da tutti, perché l'arte deve essere profumo forte, penetrante e non deve appartenere solo ad un'elite".
Le sue opere, dunque, hanno un forte legame con l'Africa, che diventa la luce nel mistero della vita.
Ama più di tutto raffigurare bambini e donne, perché la madre è l'esempio per eccellenza dell'amore.
Infatti, le sue creazioni sono belle, morbide, calde e colorate colme di straordinaria valenza artistica.
E' indubbio che lei ama la bellezza, ama l'arte nella sua più intima e originaria ragion d'essere.
La bellezza data all'oggetto relazionato, è la ragione estetica e il suo modus essendi dell'arte del nostro tempo.
La sua è disciplina dello spirito avvertita come una risorsa delle avanguardie e coincide con le attese di una genuina vocazione all'arte contemporanea.
Un'arte che assume lo spessore dichiarato di un mondo con l'aura piena di valore e senso, è un'assoluta evoluzione da riparo alla bellezza da troppo tempo bistrattata e che lei richiama in vita per esprimere un mondo interiore e gli ideali dell'epoca in cui viviamo.
Il suo amore per l'arte è alla base della sua intuizione artistica.
E' un amore sincero, con dialoghi stupendi in funzione del camminare verso nuove strade per imparare a conoscere una propria sostanziale identità senza mutare se stessa.
Principia Bruna Rosco
Mostre:
Filippine 2012
Mostra città di Varazze  2013
Mostra città di Savona 2013
Unicef 2014
Premio int.le Iside 2014
EXPO milano 2015
Telethon bnl Milano 2015
Fondaz. Granata Braghieri Imbersago maggio 2016
Artè in piazza Imbersago 2016
LINK  : www.annacasu.altervista.org