PDF Stampa E-mail

Biography
Lorenzo Zuccato
Nato a Magenta 25 gennaio 1991
Vive e lavora a Bareggio (MI)
Via Monte Grappa 3, Cap: 20010

Education
Frequenta il biennio specialistico di scultura all’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano
Nel 2013 si laurea ottenendo il diploma di primo livello in scultura all’Accademia di Belle Arti di 
Brera a Milano con 110 e lode


Solo Show
2014
• (bipersonale) Natura Anam, 
Fondazione Granata Braghieri, Imbersago (LC)


Group Exhibitions
2014
• Arte Sotto Milano II edizione, 
a cura di Nada Pivetta e Cristina Muccioli,
Museo della Permanente, Milano
2013
• Matrix e il sentiero di Papa Giovanni XXIII,
Biblioteca comunale, Imbersago (LC)
• 10°Concorso Nazionale di pittura,
Proloco, Settimo Milanese (MI)
• Da Brera a Maccagno,
Museo civico Parisi-Valle, Maccagno, (VA)
2009
• Conflict and Identity,
La Fuente Foundation, London (UK)
Performances
2014
• Castelli di sabbia, in occasione di Piquadro Creative Lab - The launch of “Opera” 
Collection, Accademia di Belle Arti di Brera
Milano
Residency
2013
• i2A istituto internazionale di architettura,
con Stefano La Rotonda e Alberto Gianfreda
Vico Morcote, Lugano (CH)
Workshop
2013
• Matrix, scuola di scultura, Accademia di Belle Arti di Brera Milano, in collaborazione con 
Comune di Imbersago (LC)
2012
• Bio-Contaminazioni, scuola di scultura, 
Accademia di Belle Arti di Brera Milano, in collaborazione con Arte Sella, Val di Sella, 
Bor-go Valsugana (TN)

STATEMENT

Oggetti naturali trovati in quel preciso istante, in quella precisa situazione e in quel preciso qui e ora, veicolano tutta la ricerca artistica.

Andare in cerca di situazioni nascoste, di situazioni particolari o così comuni e semplici da destare curiosità solo per il semplice fatto di

osservarle da un altro punto di vista.

Organizzare e dare voce ad un materiale naturale, ad una natura sempre più dimenticata.

Sfruttare l’occasione naturale che ci si presta davanti quasi inattesa, in vista.

Dare voce a materiali poveri e precari dove il tempo gioca un ruolo fondamentale: l’opera d’arte rimane effimera,

pericolosamente in vita, si trasforma, si perde, cambia anche solo con un alito di vento.

I materiali effimeri come la segatura, la cenere, la sabbia ed il legno; sono messi in relazione ai

metalli quali il bronzo, l’acciaio e il ferro, non dimenticandoci del gesso e della cera, materiali interessanti

per i loro molteplici stati di materia.