Storico PDF Stampa E-mail

FONDAZIONE ATTILIO GRANATA  FRANCO BRAGHIERI

Relazione storica al 31-12-2015

La fondazione Attilio Granata Franco Braghieri nasce ad Imbersago nel 2007 per volontà dei figli Angelo Granata e Daniela Braghieri Granata.

Nasce per essere la manifestazione di un desiderio: divenire un fulcro grazie al quale i sentimenti positivi appresi e condivisi con i rispettivi genitori possano dare vita a nuove realtà.

L’arte, in tutte le sue forme è una delle espressioni più elevate dell’essere umano. Pittura, scultura, musica, equilibrio tra corpo e mente, rispetto per l’ambiente in cui viviamo sono tutte manifestazioni dell’arte intesa come spinta verso la ricerca e l’ottenimento dell’ Armonia.

Nel percorrere il sentiero che conducesse verso lo strumento migliore per realizzare questo desiderio Giuseppina Stella Granata moglie di Attilio Granata, Lidia Pagani Braghieri moglie di Franco Braghieri e Sara Tironi, collaboratrice da più di dieci anni di Angelo e Daniela Granata, animate dagli stessi sentimenti, hanno deciso di condividere questo ideale e di dare vita a questa realtà.

Nello statuto sono stati riassunti gli scopi e decisi i mezzi con i quali realizzarli. Essere un punto di riferimento per i giovani che sono il futuro, è il punto cardine di questa Fondazione. Poter passar loro un testimone fatto di esperienza e conoscenza è il servizio a cui chi vi partecipa si sente chiamato.

Il desiderio è che l’unità, punto di inizio dell’amore, sia la meta ben radicata nel cuore di chi vorrà operare anche nel futuro e sia la forza che anima il cuore della Fondazione stessa.

Angelo Granata è nato a Milano il 21 Dicembre 1949. Laureato nel 1975 in Medicina e Chirurgia, ha lavorato a Milano fino al 1994 e si è poi trasferito ad Imbersago dove tuttora lavora e vive con la moglie Daniela Braghieri Granata, medico chirurgo dal 1975 nata a Milano il 16 maggio 1950.

Poco prima di morire Attilio chiede al figlio Angelo di bruciare tutti i quadri e i disegni; nessuno in famiglia ne ha il coraggio. Alcuni dei quadri vengono fatti incorniciare e sottoposti da Angelo Granata alla valutazione del critico d’arte Domenico Montalto che cura la pagina dedicata all’Arte sul quotidiano Avvenire. Nasce il progetto di creare una monografia per documentare l’opera di Attilio Granata.

2006

Ci vogliono più di due anni per raccogliere, catalogare ed editare la monografia. Nell’aprile del 2006 viene organizzata, con il patrocinio del Comune di Imbersago, della Pro Loco e del Parco Adda Nord la prima mostra di Attilio Granata. Il successo è inaspettato, più di cento persone vengono all’inaugurazione, fatto che per un piccolo Comune come Imbersago viene descritto come “un avvenimento che non verrà dimenticato” grazie anche ad un concerto di arpe celtiche tenuto dalla Celtic Harp Orchestra, la più grande orchestra stabile di arpe a livello mondiale in cui suonano alcuni amici di Angelo e Daniela. Per i figli una gioia che dedicano a papà Attilio. Un gallerista di Brescia il signor Morandini, viene a visitarla e propone un’altra mostra che viene organizzata nel settembre 2006 a Brescia. Qui l’afflusso di critici e artisti è notevole. Una frase risuona più volte “ma dove lo hai scovato?”. La certezza che valga la pena di dare a  papà Attilio una visibilità diviene sempre più concreta. Non viene scelta la strada della vendita delle sue opere anche per rispettare ciò che lui aveva sempre sottolineato: non voglio fare della mia pittura un commercio. Angelo e Daniela Granata non hanno figli. I nipoti non manifestano alcun interesse.

E’ in questo periodo che prende forma il progetto di creare una struttura che possa onorare la memoria non solo di Attilio Granata ma anche di Franco Braghieri, padre di Daniela che ha dedicato tutta la vita alla professione di geometra impiegando le sue energie a prediligere l’armonia delle forme, la funzionalità e la fruibilità a scapito della mera commercializzazione. Il progetto si concretizza nel 2007 grazie anche al sostegno e all’aiuto di amici e conoscenti che credono nella validità di questa iniziativa.

I professionisti consultati al fine di identificare il mezzo più idoneo all’attuazione del progetto consigliano di creare una Fondazione che viene ritenuto l’organismo che meglio garantirà il mantenimento nel tempo della direzione che i Fondatori intendono imprimere.

2007

Nel marzo del 2007 viene costituito il “Comitato per la Fondazione” per poter realizzare con il Comune un progetto imminente. Viene trovata una sede in Imbersago ed inizia subito una collaborazione con il Comune per l’organizzazione del Premio Morlotti.

Nella sede trova spazio l’esposizione permanente delle opere di Attilio Granata la cui direzione viene affidata a Giulio Crisanti, artista, pittore e membro della Permanente di Milano.

Nel settembre 2007 alla presenza del Viceprefetto e delle più importanti autorità della Provincia ha luogo l’inaugurazione e la premiazione dei vincitori del premio Morlotti alla sua undicesima edizione (per notizie più dettagliate sul Premio visitare il Sito del Comune di Imbersago).

A questa fanno seguito delle mostre di pittori che hanno partecipato al Premio Morlotti (Bonetti, vincitore del premio Categoria Invitati).

2008

Nel Febbraio 2008, il Comitato apprende che è prossimo il riconoscimento della Fondazione Attilio Granata Franco Braghieri da Parte degli Organi Ministeriali competenti.

Sempre nel mese di Febbraio, presso la sede della Fondazione ha luogo la premiazione dei vincitori del Premio Cup House.

Nei mesi seguenti Enzo Maio (premio di stima categoria invitati) espone la sua "Mostra personale" nei locali della Fondazione e nei locali della Mediateca i tre classificati tra i giovani, Tassinari, Magnani e Montemezzani "Uomonotteanimale".

Nel giugno del 2008 la Fondazione riceve il riconoscimento da parte del Ministero e  in Fondazione  viene allestita la mostra di Mario Paschetta "Appunti di un viaggiatore lombardo".

Nel Settembre 2008 Mauro Bordin (premio di stima Categoria Invitati) espone "Terre di nessuno" e con la sua mostra si inaugura la nuova sede della Fondazione in Vicolo Chiuso 6 ad Imbersago.

Sempre nel Settembre 2008 la Fondazione viene presentata a Brescia in occasione di una mostra a tema delle opere di Attilio Granata presso la Galleria d’Arte la Parada a Brescia curata dal pittore G. Morandini.

In collaborazione con la Pro Loco la Fondazione Granata - Braghieri, nel contesto dell’ormai storicizzato “Mercatino dell’antico” di Imbersago, propone uno spazio dedicato alle antiche lavorazioni artistiche.

Il progetto per le edizioni del mercatino del 16 novembre e del 21 dicembre sarà incentrato sulla dimostrazione della lavorazione artistica della ceramica.

Saranno presenti due maestri ceramisti già Insegnanti nell’Istituto Statale d’Arte per la Ceramica “F. Antonio Grue”  di Castelli - TE - Abruzzo, frequentato normalmente da alunni provenienti da tutto il mondo e noto per le sue ceramiche artistiche, a livello internazionale, già dal XIV secolo. I maestri daranno la possibilità a tutti di conoscere, attraverso le dimostrazioni pratiche guidate, le relative tecniche di lavoro farne, volendo, una esperienza diretta.

…E A FAR L’ARTISTA CI PROVO ANCH’IO !

Questa iniziativa non sarà solamente una manifestazione coreografica nel mercatino dell’antico, ma coinvolgerà nelle due settimane precedenti gli alunni del territorio, i loro genitori ed i loro insegnanti in un percorso laboratoriale creativo – espressivo che indagherà e metterà in evidenza la  creatività dei ragazzi guidandoli nei processi lavorativi dell’artigianato artistico assistendo, nel caso della ceramica, alle operazioni di forgiatura, cottura e decorazione di piatti e formelle ma anche di fare diretta esperienza nella tornitura di un vaso e/o di decorazione pittorica di un piatto o di qualche altro oggetto creato dagli alunni. La settimana dal 10 al 14 novembre i maestri svolgeranno l’attività didattica presso la scuola media A.Manzoni di Merate. Nella settimana dal 15 al 19 dicembre alla scuola media A.Volta di Robbiate.

La Fondazione Granata – Braghieri di Imbersago nel pieno svolgimento delle finalità del proprio statuto e credendo profondamente nel valore del rapporto tra scuola, artigianato ed arte e nell’importanza della creatività come risorsa per la formazione della persona e l’educazione di bambini, ragazzi e adulti, intende così valorizzare il confronto diretto tra il mondo dell’arte e dell’infanzia ed anche dare voce ad un progetto che sottolinei le esperienze personali di osservazione e analisi del bambino e del ragazzo.

Giulio Crisanti direttore della mostra permanente di Attilio Granata a partire dal novembre 2007 conclude un accordo culturale che coinvolge tre enti diversi per attivare un ciclo di mostre collettive tra soci artisti della nostra Fondazione che mette a disposizione la propria esperienza , la Permanente di Milano che patrocina il progetto e la biblioteca Comunale Cassina Anna di Milano che mette a disposizione strutture e spazi espositivi.  Con la direzione artistica di Giulio Crisanti si svolgono le seguenti rassegne d’arte

 

CICLO DI MOSTRE DAL 2007 AL 2010


a cura del Prof. Alberto Veca,

dal 1/12/2007  al 10/01/2008

“Cinque Percorsi – valori condivisi” ed espongono gli artisti

G. Crisanti, F. Magro, A. Mazzotta, S. Montani,  C. Plicato

dal 26/01 al 07/02/2008

“Cinque percorsi – cinque linguaggi” ed espongono gli artisti

F. Dossi, S. Ferrante, G. Madoi, S. Manazza, A. Marchetti

dal 09/02 al 21/02/2008

“Proposte”

ed espongono gli artisti S. Battisti, M. Borghese, L. Fulvi, M. Gerosa, B. Visentin

dal 17/05 al 29/05/2008

“Convergenze” ed espongono gli artisti

A.Attinà, O. Barbagallo, G. Blandino, M. Cannata, A. Tonelli

dal 31/05 al 19/06/2008

“Repertori” ed espongono gli artisti

I. Pardi, R. Plevano, G. Crisanti

 

a cura di Angela Manganaro

dal 21/04 al 07/05/2009

“Incisori” espongono gli artisti

M. Cannaò, T. Santoro, Togo, A. Venditti

 

a cura di Giulio Crisanti, in contemporanea alla Biblioteca Cassina Anna e  nella sede della Fondazione Granata-Brghieri di Imbersago,

dal 23/05 al 04/06/2009

“Arte Logonica Sì grazie” espone l’artista

G.P. Lazzarini

 

ancora a cura di Angela Manganaro ma nella sede espositiva della Fondazione ad Imbersago si ripropone

dal  13/06 al 05/07/2009

“Incisori” nella quale espongono gli stessi artisti

M. Cannaò, T. Santori, Togo, A. Venditti.

 

A cura di Mauro di Giosa e Lucio Galante,

dal 03/05 al 15/05/2009

“Monumentali dissolvenze” ed espongono gli artisti

A.Docci, V. Mele.

A cura di Luca  P. Piccolini ed Elisabetta Meri,

dal 28/11/2008 al 07/01/2010

“Caratteri Morbosi” ed espongono gli artisti

M. De Nittis, S. Sansevrino

 

2009

Dal 6 Dicembre 2008 all’11 Gennaio 2009 Adele Morosati pittrice e scultrice espone le sue opere. Durante il periodo della mostra ai bimbi del territorio, che si sono recati a visitarla, è stato chiesto un commento ed è stata loro donata una riproduzione di un quadro dell' artista.

Il 28/1/09 nella sede della Fondazione Granata-Braghieri, sono stati convocati gli artisti del territorio per presentare loro una iniziativa artistica, promossa da Giulio Crisanti, tesa a smaltire le rimanenze di materiali ceramici e colori acquistati dalla Pro-Loco per i corsi svolti nel 2008 dagli artisti ceramisti di Castelli. Donare all’amministrazione comunale di Imbersago una parete realizzata in maiolica smaltata a fuoco,  per uno spazio urbano esterno pubblico. I manufatti disponibili da decorare sono 123 mattonelle ceramiche (25 x 25 cm ) e 80 piatti ( ø 25 cm).  I volontari saranno ospitati nella sede della Pro Loco di via Castelbarco, 34 – Imbersago,  dove è stato allestito il laboratorio e dove saranno disponibili tutti i materiali necessari.

Hanno aderito 18 artisti quasi tutti alla loro prima esperienza in materia di pittura su ceramica. Il problema è stato superato perché abbiamo attivato una vera e propria scuola di decorazione ed i risultati sono stati lodevoli. Un particolare aiuto è arrivato dalla scultrice Dolores Previstali che ha messo a disposizione il suo forno per la cottura dei manufatti ed a volte anche il suo stesso studio.

Dal 9 al 24 maggio 2009 viene allestita la mostra "Antologica", curata da Marina Pizziolo, per rendere omaggio al grande pittore meratese  Donato Frisia.

Dal 26 settembre all’11 ottobre 2009 si svolge la mostra personale di Giulio Crisanti dal titolo “Le realtà Nascoste”. Questa esposizione, curata da Simona Bartolena, partecipa di diritto alla 5^ edizione della Giornata del Contemporaneo, manifestazione annuale di AMACI (Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani ) che per  il  2009 cade il 3 ottobre.

L’Associazione Solevol viene contattata per un progetto, dalla stessa promosso, da realizzarsi con la collaborazione degli studenti degli Istituti Superiori del territorio, i quali inseriranno nel programma scolastico un lavoro finalizzato al sostegno di alcune Associazioni del territorio.

La Fondazione, tra le tante candidate, viene scelta dall’Istituto Viganò di Merate i cui studenti del 5° anno si occuperanno di realizzare il sito della Fondazione stessa, e porteranno il lavoro svolto come materia dell’esame di maturità.

In previsione di una mostra che si terrà nel 2010 sul tema dell’astronomia, il Prof. Firmani (Astronomo emerito dell’Osservatorio Astronomico di Brera e dell’Università Nazionale Autonoma del Messico) tiene due serate con Simona Bartolena, finalizzate a fornire elementi conoscitivi ai pittori che aderiranno alla mostra prevista.

Continua la collaborazione con l’Associazione Mansei che tiene serate culturali presso la sede della Fondazione.

Nella giornata di mercoledì 7 ottobre 2009, nella sede della Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente via F.Turati 34 Milano, messaci gentilmente a disposizione dal Consiglio Direttivo presieduto dall’On. Guido Podestà, si svolgerà un “Open day” a partire dalle ore 10.00.

Nella prestigiosa sede della “Permanente” sarà possibile ammirare in anteprima le opere partecipanti al "12° Premio Morlotti" 2009. Seguirà, alle 11.30, la conferenza stampa alla presenza del Sindaco di Imbersago, di un testimonial scelto nel mondo dello sport, dei rappresentanti dell’archivio Nazionale Morlotti, dei curatori e della giuria. La serata terminerà con l’arrivederci allla inaugurazione del  Premio stesso nella “Villa Subaglio” di Merate (Lc).

Mercoledì 14 ottobre 2009 presso Villa Subaglio vengono esposti 20 dipinti di Attilio Granata facenti parte della collezione privata della famiglia e viene presentata la Fondazione in occasione dell’insediamento del nuovo Presidente dell’Associazione Soroptimist.

Alle ore 17.30, sabato 17 ottobre 2009, nei saloni della “Villa Subaglio” di Merate (Lc) apertura al pubblico della mostra, inaugurazione e premiazione dei vincitori alla presenza delle autorità civili, militari, ecclesiastiche, del testimonial e dei giornalisti. L’esposizione rimarrà aperta per le visite domenica 18 ottobre a domenica 1 novembre 2009.

Dal 21 novembre 2009 al 10 gennaio 2010 la Fondazione ospita la mostra “Capolavori Storici” di Ernesto Treccani a cura di Marina Pizziolo.  E’ proprio in questi giorni che viene a mancare il Maestro.

2010

In data 24 gennaio 2010 presso la sede della Fondazione si è tenuta l’inaugurazione dell’esposizione dei lavori dei partecipanti al concorso "Cup House 2009" (L’Arte e il Caffè per la giovane pittura in Italia) e la premiazione dei vincitori. La presentazione della mostra che si è protratta per un mese  è stata curata da Simona Bartolena.

Il 15 marzo 2010 presso Villa Confalonieri in Merate è stata inaugurata la Collettiva “Universi” curata dall’Astronomo Claudio Firmani e da Simona Bartolena, con la partecipazione di 26 artisti. L’evento, realizzato da un progetto di Giulio Crisanti in omaggio all’Anno Internazionale dell’Astronomia ed al  400° anniversario del “Sidereus Nuncius” dello stesso G. Galilei, è stato arricchito da due iniziative culturali collaterali: la prima, una conferenza curata da Simona Bartolena in data 29 marzo 2010 che aveva per tema “Lo sguardo al cielo. Il Cosmo nella storia dell’arte.”; la seconda, una conferenza tenuta dal Prof. Firmani in data 16 aprile 2010 dal titolo “Tra Immagine e Realtà”. Entrambe le serate si sono svolte presso Villa Gonfalonieri in Merate.

Dal 24 aprile al 2 maggio 2010 Roberto Priod espone presso la Fondazione la sua mostra di sculture dal titolo “Germinazioni”. Tre delle sue opere vengono esposte all’esterno della sede della Fondazione, nella Piazza di Imbersago.

Il 5 maggio sono  terminate le lavorazioni ceramiche.

Comunicata alla Pro Loco ed al Sindaco la disponibilità del materiale per la definitiva sistemazione esterna.

Dal 7 al 30 maggio 2010 Mauro Benatti allestisce la sua mostra “Disegni e Sculture” curata da Simona Bartolena.

Nel mese di giugno la Fondazione ospita presso la sede una mostra di Ennio Bencini dal titolo “Visualizzazione dell’anima”.

Dopo la pausa estiva si riapre l’attività culturale della Fondazione con una riunione del Consiglio Direttivo nello studio del Notaio Dr. Franco Panzeri per mettere a punto la parte legale e fiscale del progetto "Spazio Mandic curare con arte", già in fase avanzata, ideato e curato da Giulio Crisanti che vede il Presidio Ospedaliero “S. Leopoldo Mandic” di Merate destinatario, tramite donazione, di una raccolta di circa trenta opere d’arte di altrettanti artisti del territorio.  Il progetto, che ha già ricevuto l’avallo delle Direzioni responsabili dell’Azienda Ospedaliera di Lecco destinataria finale della Donazione, sarà promosso e coordinato dalla nostra Fondazione che ne curerà le attività amministrative, legali e di rappresentanza.

La definizione di questo entusiasmante progetto, ancora in itinere, è previsto per i prossimi mesi del 2010.  Continua la collaborazione con l’Associazione MANSEI che tiene serate culturali presso la nostra sede.

Il 18 settembre e fino al 10 ottobre 2010 la Fondazione ospita l’Artista ticinese Renzo Ferrari, vincitore assoluto del Premio di pittura “Morlotti-Imbersago” 12° edizione 2009.

La sua mostra personale “Erbolario e altri temi. Opere 2009 – 2010” , curata da Domenico Montalto e Giorgio Seveso, con catalogo di Chiara Gatti, rappresenta il primo appuntamento importante nell’ambito della ricorrenza del centenario della nascita di Ennio Morlotti (1910-1992)

2011

Il 2011 costituisce per la Fondazione un altro anno di iniziative di successo che convalidano l’impegno profuso.

Abbiamo avuto le prime adesioni di membri partecipanti tra gli artisti che hanno esposto nella sede della Fondazione

Per quanto riguarda le mostre espositive: la prima mostra “La seminatrice di enigmi” avviene in Marzo e vede esposte le opere di Carlo Brenna artista di Milano. La stampa è intervenuta e ha sottolineato il ruolo che la Fondazione sta assumendo sul territorio quale promotrice di manifestazioni che aggregano artisti e pubblico Nel corso della mostra è stato proposto un incontro pomeridiano con l’artista durante il quale Danilo Marzorati ha accompagnato con la sua arpa celtica la lettura di alcune poesie dedicate alla donna, dal momento che la donna è l’oggetto della ricerca e dell’ispirazione dell’artista. Numerosa è stata la partecipazione del pubblico che ha particolarmente gradito l’iniziativa.

La seconda Mostra tenuta in Aprile, una personale di Chiara Passoni allieva della Scuola d’arte pura e applicata di Merate vincitrice del primo Premio del Corso di Pittura alla XIª edizione 2010 della Biennale d’Arte-Città di Merate dal titolo "Impressioni di Luce" viene curata dalla Dott.ssa Maria Virginia Trivulzio e presentata dal presidente della stessa Scuola Fernando Massironi. Numeroso il pubblico intervenuto.

Nell’ambito della manifestazione del Maggio Imbersaghese la Fondazione in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Imbersago promuove nei suoi locali la Mostra “Dall’orlo estremo di qualche età sepolta” con le opere di Maria Jannelli e Renato Galbusera. Maria Jannelli è docente al Liceo artistico di Brera e Renato Galbusera è docente all’Accademia di Belle Arti di Brera. Numeroso il pubblico intervenuto. Visto il ruolo rivestito dagli artisti numerosi sono stati i giovani intervenuti. L’evento è stato ampiamente pubblicizzato sul territorio grazie alla pubblicazione sui volantini che il Comune distribuisce durante il Maggio Imbersaghese.

Un evento originale dal titolo "Un cuscino a regola d'arte" prende vita nel mese di Giugno grazie alla proposta dei fratelli Albani, titolari del negozio Arte in casa di Merate . Si tratta di un’inedita Mostra- concorso, cui la Fondazione, il Comune di Merate e quello di Imbersago danno il Patrocinio, tesa ad avvicinare le persone all’Arte valorizzando la spontaneità degli artisti e del pubblico.

L’evento si è articolato in due sezioni: alla prima vengono invitati a partecipare 14 artisti affermati che dovevano interpretare il telo loro assegnato da Arte in casa; alla seconda sezione ha potuto partecipare il pubblico, senza limiti di età, tra cui 20 tra i clienti e conoscenti di Arte in casa, di cui 5 sono stati dei bambini, che a loro volta hanno reinterpretato a proprio piacere il telo.

La giuria composta da Giulio Crisanti, direttore artistico della Fondazione, Giuseppina Spezzaferri, assessore alla cultura del Comune di Merate e Diego Albani ha premiato tre opere tra quelle eseguite dal pubblico.

Arte in casa ha promosso la vendita dei cuscini impegnandosi a devolvere alla Fondazione il ricavato.

In accordo alle finalità della Fondazione viene appoggiato e Patrocinato il Progetto sostenuto anche economicamente dal Comune di Merate della mostra “Bestiario eretico” che si è svolta nel mese di Ottobre nell’ambito dell’inaugurazione dell’ area Cazzaniga” a Merate” che costituisce un centro di aggregazione per i giovani.

Ad Ottobre Giancarlo Nucci inaugura presso la sede della Fondazione la sua personale “Concerto della natura” e durante il periodo espositivo viene organizzato un incontro con l’artista in cui la regista teatrale Elisabetta Visconti legge alcune delle poesie inedite scritte da Giacomo Nucci, figlio, dell’artista. E’ stata accompagnata dall’arpa celtica di Danilo Marzorati. Anche in questa occasione il pubblico ha gradito particolarmente l’evento.

A seguito dell’esperienza vissuta nasce il “Progetto Sabbie e sorgenti”. Sostenere la pubblicazione di una raccolta inedita delle poesie di Giacomo Nucci.

Vengono presi contatti con l’Assessore alla cultura dei Merate, signora Giusi Spezzaferri che si dichiara interessata a valutare una possibile collaborazione.

A Novembre si rinnova l’Appuntamento con il "Premio Morlotti 2011". La Fondazione ne cura l’organizzazione. L’inaugurazione avviene a Lecco presso la Torre Viscontea, perché nell’ambito dei festeggiamenti per il centenario della nascita di Ennio Morlotti anche il Comune di Lecco è intervenuto, come pure la Pro Loco di Imbersago per la parte organizzava pratica.

La mostra della sezione artisti affermati, quindi Vincitore della 13° Edizione del Premio Morlotti (Premio alla carriera) Giancarlo Vitali “Stralunario” si apre presso la sede della Fondazione Domenica 27 Novembre e si conclude Domenica 15 Gennaio 2012.

2012

Per quanto riguarda le collaborazioni con altri Enti o Istituzioni si è rinsaldato il rapporto collaborativo sia con Il Comune di Imbersago che con quello di Merate.

Vengono presi contatti con i Comuni di Sotto il Monte e Villa d’Adda per unire e quindi completare la realizzazione dell’intero percorso che da Sotto il Monte arriva ad Imbersago e con il Comune di Merate, in quanto una delle tappe del Sentiero di Papa Giovanni incrocia il Sentiero di Sant’Agostino.

Matteo Locatelli si rende disponibile a sostituire Giulio Crisanti nella direzione artistica della Fondazione in quanto, per motivi personali, Giulio Crisanti recede dall’incarico di Direttore Artistico., mantenendo però la responsabilità di seguire il Progetto “Spazio Mandic curare con arte”.

Nel mese di Maggio, grazie all’esperienza del nuovo direttore artistico, Matteo Locatelli si apre una Mostra di Icone Sacre “L’invisibile guardare” preceduta da una serata di presentazione a Villa Confalonieri nel comune di Merate che ha ospitato la serata e dato il patrocinio alla mostra.

Le locandine sono state offerte dalla Tipografia Scotti.

In previsione di una trilogia di serate che si terranno in Fondazione a Giugno e saranno tenute da Matteo Locatelli vengono selezionati quattro quadri di Attilio Granata al fine di stampare delle cartoline che costituiranno un veicolo pubblicitario di presentazione della Fondazione. Le tre serate a tema sono dedicate alla memoria di Domenico Montalto sono state condotte da Matteo Locatelli e hanno avuto come tema:

  • L’economia del dono
  • La bellezza salverà il mondo

  • La perfetta letizia

A Luglio il contatto con l’artista Claudia Galimberti consente di programmare in Fondazione in occasione dell’VIII giornata del Contemporaneo prevista per il 6 Ottobre 2012, una sua mostra: “I colori della luce”.

A Dicembre è stata messa a disposizione la sede della Fondazione per una mostra di disegni dell’artista novantaduenne Lidia Bazzanella Cavaliere.

2013

I primi mesi del 2013 vedono la Fondazione impegnata alla realizzazione degli eventi che ruotano intorno al “Sentiero di Papa Giovanni” e alla realizzazione del progetto di pubblicazione e presentazione del libro di poesie di Giacomo Nucci“Sabbie e sorgenti”.

Nell’ambito del progetto sentiero di Papa Giovanni sono stati realizzati alcuni eventi in collaborazione con la pro loco di Villa D’Adda e il Comune di Imbersago che li ha sostenuti pubblicizzandoli sul volantino del maggio imbersaghese:

Si è svolta nel periodo 1 – 16 Giugno la mostra “Sui Passi di papa Giovanni” che ha ospitato le opere pittoriche di Ennio Bencini, Paolo Guerriero, Sergio Sansevrino e Giancarlo Nucci presso la sede della Fondazione, mentre nello stesso periodo Sant’Andrea in Catello- Villa d’Adda (Bg) ha ospitato le opere scultoree di Ennio Bencini e Davide Balossi.

Matteo Locatelli ha presentato il teatro sacro su Papa Giovanni XXIII, inserito nell’ambito della mostra sopraccitata, accompagnato dall’arpa celtica di Fabio Rizza, in S. Andrea in Catello.

Il progetto del sentiero, redatto dall’Architetto Pollano, riguardante lo stato di avanzamento progettuale, è stato pubblicato sulla locandina relativa agli eventi sopraccitati che sono stati patrocinati da: Comune di Imbersago, Provincia di Lecco, Pro Loco Villa d’Adda, Comune di Bergamo, Comune di Villa d’Adda.

Il Comune di Imbersago ha chiesto ed ottenuto il coinvolgimento della Fondazione per il Progetto Matrix che ha realizzato con Brera. Il referente per la Fondazione è il Direttore Artistico stesso, Matteo Locatelli che, presso la sede del Santuario della Madonna del Bosco ha tenuto un incontro con gli allievi di Brera coinvolti nel progetto stesso: realizzare delle opere scultoree con la finalità di dare vita ad un percorso di sculture all’aperto.

Una mostra dei prototipi è stata fatta nella Mediateca Comunale di Imbersago e si sono scelte le sculture che andranno realizzate. Sarà cura della Fondazione, nella primavera del prossimo anno organizzare le mostre ai giovani le cui opere sono state scelte.

Il progetto pubblicazione libro “Sabbie e sorgenti” e le presentazioni dello stesso hanno visto coinvolti il Comune di Merate, la Provincia di Lecco e il comune di Imbersago che ne hanno dato il patrocinio. Il comune di Merate ha inoltre promosso gli incontri per la presentazione del libro “Sabbie e Sorgenti” (Steber Edizioni) presso biblioteca di Merate che è stata condotta da Matteo locatelli e dall’Assessore alla cultura di Merate Giuseppina Spezzaferri, e in Villa Confalonieri con la partecipazione della regista teatrale Elisabetta Visconti che ha interpretato, accompagnata dall’arpa celtica di Fabio Rizza, alcune poesie. Presente all’evento l’editore Antonio Ciacciarelli che ha spiegato la scelta editoriale di pubblicare un libro di poesie di un poeta esordiente.

Le presentazioni si sono poi susseguite nell’arco dell’anno nei Comuni di Concorezzo, Monza, Agrate Brianza, Cologno Monzese. In queste occasioni è stato Danilo Marzorati che con la sua arpa celtica ha accompagnato Elisabetta Visconti nella lettura delle poesie di Giacomo Nucci. A Monza e a Cologno le presentazioni sono state inserite nel contesto di altri eventi. E’stato così possibile aprire una collaborazione con altre realtà.

Poiché vi è stato un incremento di liberalità da parte di sostenitori per la Fondazione è stato possibile realizzare, nel corso dell’anno, tre mostre dedicate a giovani artisti.

La prima, in primavera, nel periodo del maggio imbersaghese, ha visto esporre in Fondazione "Luce" di Erika Riehle, vincitrice del Premio Morlotti 2009.

Per gli altri due artisti, Marco Rusconi e Giorgio Riva sono state organizzate due personali "Saldo in positivo" e "La meraviglia di un attimo", sempre con sede nei locali della Fondazione e in Sant’Andrea in Catello. Per entrambi era la prima volta che esponevano le loro opere.

Inoltre la mostra di Marco Rusconi è stata inserita nella “Nona Giornata del Contemporaneo” organizzata da AMACI.

Sulla scia del “Progetto Sabbie e Sorgenti” si è deciso di realizzarne un altro di carattere editoriale. La casa editrice STEBER, nella persona del Signor Ciacciarelli ha deciso di pubblicare un altro libro.

Nel mese di Dicembre è stato presentato nella Biblioteche di Merate e in quella di Imbersago un libro di racconti per bambini “Un trenino carico di…….”. Le autrici Manuela Magni e Ornella Capelli hanno intrattenuto bambini e genitori con la collaborazione di Luigi Rota che con la sua chitarra ha coinvolto, soprattutto i bambini, a cantare filastrocche.

Vincenzo Crea che segue il sito della Fondazione lo ha implementato con la sezione “I nostri artisti” in cui gli artisti, che la Fondazione ha sostenuto dando loro visibilità, hanno potuto inserire il loro curriculum e alcune delle loro opere.

L’ipotesi di dare vita al Comitato Tecnico Artistico si è potuta realizzare. Mantenendo fede a quelli che sono gli scopi della Fondazione, è stato chiesta la partecipazione anche di giovani artisti. Quindi il CTA vedrà collaborare tra loro in sinergia persone con esperienza e giovani che si affacciano al mondo dell’arte.

2014

Nel 2014 la Fondazione apre le sue attività nel mese di Marzo con una mostra fotografica “Skyline over me” dell’artista Pietro Broggini, scomparso prematuramente nel giugno del 2013.

L’inaugurazione viene preceduta da una recita di Matteo Locatelli che si intervalla, leggendo dei brani, ai Cantori Ambrosiani  nella suggestiva chiesetta di San Paolo in  Imbersago.

In occasione del Maggio Imbersaghese uno dei membri del Comitato Tecnico Artistico, la Signora Giuseppina Camagni, ha organizzato con il Comune e con la Parrocchia un Concerto per pianoforte tenuto da un giovane promettente studente diciassettenne. Numeroso il pubblico e standing ovation per il pianista.

A Maggio, all’interno della Mostra Mercato, “Solidarietà in Piazza” viene presentato il libro “Un trenino carico di…..”. Luigi Rota, anche in questa occasione, è presente e intrattiene grandi e piccini allietandoli  con la sua chitarra.

Sempre a Maggio, nella sua sede, la Fondazione ospita due giovani scultori Lorenzo Zuccato e Giuliano Cataldo Giancotti dell’Accademia di Brera con la mostra “Natura Anam”.

Il mese di Giugno è interamente dedicato alle donne. Ogni week-end viene organizzato un evento che vede ospitate donne che testimoniano quale passione le ha spinte a dedicarsi nella vita chi alla musica, chi al canto, chi alla creazione di oggetti, chi a scrivere,  ecc.

Il mese di Agosto ha visto realizzarsi la prima Caccia al Tesoro che ha preso il via dalla sede della Fondazione, eletta per quella occasione a quartier generale. L’appello, partito da Madre Terra, era rivolto ai Sognatori piccoli e grandi perché ritrovassero il magico scrigno in cui riporre i sogni che si sarebbero uniti a quello di Madre Terra: realizzare un Nuovo Mondo di rispetto, pace ed armonia. Sul sito è stata inserita la brochure che Federica Lissoni ha creato per presentare questo progetto a lungo termine che verrà condiviso anche con l’Associazione “Yes we can work” di Bergamo.

Dopo la pausa estiva, nel mese di Settembre, viene organizzata una serata di presentazione delle attività delle Fondazione ad un gruppo di donne giapponesi. Da questo incontro scaturisce una proposta di una collaborazione i cui dettagli verranno messi a fuoco nel prossimo futuro.

Sempre in Settembre Daniela Braghieri, Sara Tironi e Angelo Granata ripropongono un corso dal titolo “Frequenze di Luce” che consiste in cinque incontri a cadenza bimestrale e a contributo libero a sostegno delle attività della Fondazione.

Matteo Locatelli è stato invece interprete di una performance nel corso dell’inaugurazione della Lightline Station One presso la Sala Azzurra dell’Idroscalo del Parco Agricolo Sud. La linea metropolitana della luce organizzato da Ars Prima in collaborazione con la provincia di Milano.

In Ottobre un’altra presentazione del testo “Sabbie e Sorgenti” di Giacomo Nucci è stata realizzata nel contesto  dell’evento “Book City” a Milano.

Anche quest’anno l’appuntamento con la Giornata del Contemporaneo vede impegnata la Fondazione con una mostra che viene dedicata a Giancarlo Braghieri,  artista piacentino scomparso nel 2005.

Alla fine di Novembre un altro evento organizzato in collaborazione con la Fondazione MIA di Bergamo e Arte Divina: “Giovanni XXIII il Santo Imprenditore” presso la Sala Piatti in Bergamo alta. L’evento è stato condotto da Matteo Locatelli accompagnato dall’arpa celtica di Danilo Marzorati.

Infine il 13 dicembre presso la sede della Fondazione è stata inaugurata la mostra “Reazioni creative”, quarta personale di una giovanissima artista diciassettenne Elisa Belotti.

Durante tutto l’anno è proseguita la donazione del libro “Un trenino carico di…” agli asili e scuole elementari.

2015

Il 14 Marzo è stata consegnata in Comune una brochure in cui la Fondazione propone un evento volto a valorizzare la valenza socio-culturale del Sentiero di Papa Giovanni.

Giancarlo Nucci ha organizzato in collaborazione con l’Associazione Paolo Borsa una mostra di pittura e scultura “Interno Esterno” che viene inaugurata presso il Comune di Imbersago e la sede della Fondazione 15 Marzo.

A Maggio, nel contesto del Maggio Imbersaghese, in collaborazione con il Comune di Imbersago, la Prof. Giuseppina Camagni, realizza un evento serale che vede come protagonisti un quartetto di clarinettisti.

Sempre a Maggio è stata realizzata nella sede della Fondazione una mostra fotografica di Kristina Geske “Stanza N° 36” già presentata in Germania.

Domenica 21 Giugno, è stata dedicata alla seconda edizione della Caccia al Tesoro. Quest’anno il titolo è stato “Un sogno per un tesoro”. Grandi e piccoli si sono uniti nel vivere un’esperienza che li ha visti giocare, collaborare e gioire insieme ed infine condividere i propri sogni riunendoli nel magico scrigno ed inviandone una copia verso il cielo.

Il 10 Ottobre, per l’Undicesima giornata del Contemporaneo è stata realizzata una mostra fotografica di Pietro Broggini “Il pensiero Bianco”.

A Dicembre la Fondazione patrocina un’iniziativa di Arte Divina con Matteo Locatelli che ha proposto un’esperienza formativa di nuovo umanesimo condotta attraverso la forma inedita del dialogo sacro dal titolo “Maria Madre della Misericordia”, presentata dalla Parrocchia San Fedele presso il Cineteatro di Calusco d’Adda in collaborazione con il Centro Scolastico Tua Scuola e l’Associazione Aquilone.

2016

Il 13 Febbraio la Fondazione ha inaugurato la mostra “Cambiamento” dell’artista Ennio Bencini, che continua la sua instancabile indagine nei confronti delle riflessioni esistenziali e del difficile cammino dell’Umanità, verso il Divino. La figlia Alma Bencini ha presentato la sua nuova collezione di creazioni artistiche.

In questa occasione Manuela Magni ha aggiornato il pubblico sull’evoluzione del libro, che sta scrivendo, dedicato a Elisabetta Imperatrice d’Austria.

Nei mesi di Aprile e Maggio si sono svolti tre eventi dedicati al tema portante di questo anno: la Misericordia:

- 16 Aprile - Matteo Locatelli, studioso del pensiero religioso, formatore e attore del sacro presenta il suo libro "Giovanni XXIII e il Concilio Vaticano II" attraverso la rilettura del Concilio Vaticano II e il messaggio del Papa Buono.

Sara Tironi, presenta il Progetto "Il Sentiero di Papa Giovanni" promosso dalla Fondazione

- 23 Aprile - Marcello Menni, storico del Duomo, presenta il suo libro "Il Duomo e il cibo" attraverso il quale prende vita un itinerario pieno di fascino tra la narrazione della costruzione di un tempio della cristianità e la storia dell’evolversi dell’alimentazione e del gusto, in modo coevo.

- 15 Maggio - Matteo Locatelli, nella suggestiva cornice della Chiesa di San Paolo di Imbersago interpreta l’evento del sacro “Maria Madre della Misericordia”, momento artistico in cui religione, psicologia e antropologia dialogano tra di loro per cercare risposte agli interrogativi della nostra epoca.

Il 14 maggio, nel contesto del “Maggio imbersaghese” la Fondazione ha contribuito a un’iniziativa del Comune di Imbersago “Omaggio alla classica. In questa terza edizione la responsabile del CTA della Fondazione sezione musica Giuseppina Camagni ha proposto un concerto per chitarra, con protagonisti due giovani studenti; Guido Pace e Marco Tencati Corino.

Il 28 maggio nei locali del Fondazione Anna Casu ha presentato le sue opere in una mostra dal titolo “Là dove osano le farfalle”.

Il 25 di giugno la Fondazione ha ospitato la prima edizione del concorso fotografico, dal tema “Il mio cielo... il nostro cielo, dedicato al ricordo di Pietro Broggini”,artista, prematuramente scomparso, che usava la fotografia per esprimere le proprie emozioni e che la Fondazione ha ospitato in mostra.
Le foto selezionate dalla giuria sono rimaste esposte fino al 15 ottobre, giorno in cui, in occasione della giornata del contemporaneo, è stata inaugurata la mostra di Erika Riele “Come l’uomo pensa” e sono state donate le foto ai rispettivi autori.

Quest’ anno la Caccia al Tesoro ha avuto come titolo “Un sogno e...scoprirai” e si è svolta Domenica 26 giugno.

Il 3 dicembre è stato presentato il libro “Elisabetta, le inquietudini di un’ anima verso la libertà…per dissolvere il mito della Principessa Sissi” di Manuela Magni.